lunedì 22 novembre 2010

Trenitalia vergogna #1

Sono piuttosto arrabbiata, per usare un eufemismo. Tanto per cambiare (chi mi segue su Twitter lo sa), l'oggetto del mio odio è Trenitalia.
Oggi, 22 novembre, sono andata in biglietteria a Firenze Rifredi per prenotare il biglietto dell'IC delle 11.44 diretto a Milano (sarei scesa a Modena). Essendo io geek dentro, ovviamente prima avevo provato via web, ma dal sito di Trenitalia non era possibile prenotare
perchè i posti risultavano esauriti.
Ho provato quindi alla nuova macchinetta superfiga della biglietteria di Rifredi, che però mi segnalava che "il terminale non permette l'operazione desiderata". Insomma, non funzionava una fava.

Faccio la fila e quando è il mio turno il "bigliettaro" mi comunica che non ci sono più posti a sedere sul treno, quindi posso pagare 5 euro di sovrapprezzo (quindi 19 euro anzichè 14) per un posto in piedi in prima classe, perchè anche i posti in piedi in seconda sono esauriti.
Devo assolutamente essere a Modena per le 14, quindi accetto. E penso: "Madonna quanta gente! Ma perchè vanno tutti a Milano di lunedì a mezzogiorno? Che strano."

Arrivato il treno, salgo in prima classe: è totalmente vuota, come dimostra la foto a inizio post.

Faccio un giro in seconda classe: anche lì ci sono posti vuoti
(guardate la foto).
Dato che ho pagato non poco per un viaggio in IC di un'ora e mezza, decido di godermi (*sarcasm*) il mio biglietto di prima classe in piedi, e da vera trasgressiva addirittura mi siedo in uno dei mille posti vuoti. Punk is not dead.

Arriva il controllore, e, come potete sentire dalla conversazione che ho registrato, alla mia richiesta di spiegazioni sul perchè io avessi pagato di più per un treno che in realtà è mezzo vuoto, lui mi dice "deve chiederlo in stazione".
Sì beh certo. Aspetta che scendo, torno a Rifredi a piedi o pagando un altro biglietto, e vado in biglietteria dove mi diranno che devo chiedere sul treno o che "ci sarà stato un disguido".
Ma pensa un pò, uno strano disguido che avrà fatto pagare a me e a altri viaggiatori un sovrapprezzo così, per far iniziare meglio la settimana a Trenitalia.

Quando prenderò il prossimo treno farò anche io così. Salirò senza biglietto e dirò al controllore: "Deve chiederlo in stazione, perchè sono senza biglietto. Oppure può leggere il mio blog, quando arriva a casa. Sa, ora non può, perchè sugli IC non c'è la wireless...che peccato.
Fraintesa si scusa per il disagio.
Ah e non dimentichi di abbonarsi al mio feed!"



13 commenti:

Arianna ha detto...

Ma non potevi chiedere spiegazioni alla stazione di arrivo?

FRAINTESA ha detto...

il controllore mi ha detto di chiedere alla stazione dove mi hanno fatto il biglietto, non a quella di arrivo (dove comunque non avrei avuto tempo di fermarmi). comunque farò un reclamo...come se servisse a qualcosa!

Sandro ha detto...

Brava!

FRAINTESA ha detto...

grazie! (nella speranza che il "brava" sia riferito a me, e non a Trenitalia)

Domenico ha detto...

Frà è successo anche a me....solo che ho pagato 15 euro per andare in prima classe (vuota) ... ed avevo il vagone per me.

FRAINTESA ha detto...

e bravo Domenico, anche tu nel magico mondo del "prima classe, ma è uno sballo"...più o meno

IRIDE FIXED ha detto...

i posti erano prenotati, ma tutti sono arrivati in ritardo perchè il treno è partito puntuale.

FRAINTESA ha detto...

questa è una saggia verità. In effetti il treno è miracolosamente partito puntuale.. Salvo maturare ritardo durante il viaggio, così, giusto per non destabilizzarmi troppo

IRIDE FIXED ha detto...

comunque sempre meglio il treno che l'auto. avere un mezzo di trasporto civile e funzionante è un diritto.
domani devo andare a milano e trem(N)o: arriverò??

FRAINTESA ha detto...

Trenitalia is watching you, quindi no, non arriverai mai in tempo per nulla. A meno che non salti sulla fixed e parti...ora!
Bike, and love! (come disse molto saggiamente qualcuno sul blog di Nordkapp.it)

[ chiara ] ha detto...

ho viaggiato per anni in treno tra modena e salsomaggiore quando facevo la pendolare per via dell'università...beh la cosa sgradevole che ricordo di quegli anni erano i viaggi in treno...purtroppo sporchie e stra in ritardo...poi per più di sei mesi sono stata a studiare in austria per l'erasmus e anche lì mi spostavo spesso in treno...la cosa che ricordo...treni stra puliti e sempre in orario anche se un po' carucci. perchè in italia questo non può succedere??!!! preferirei pagare qcosina di più quando viaggio in treno ma sentirmi sicura, in un luogo pulito e poter arrivare in orario alla mia destinazione!!!

volevofarelaprincipessa ha detto...

ahahaha..fossi stata al posto tuo c'avrei messo le radici in prima classe! il tuo post mi ha fatto ricordare certe odissee Roma-Milano per le quali avrei da lamentarmi per un blog intero...che schifus!

Farnocchia

FRAINTESA ha detto...

Cara Farnocchia, tu hai il mio rispetto già solo per aver pensato di fare Roma-Milano in treno. Non che in macchina sia meglio, anzi, però un coraggio così va apprezzato! comunque se sei sensibile al tema ti consiglio di tornare su questo blog tra un paio di giorni: sto per pubblicare un nuovo post sul tema e penso sarà una bomba!

Posta un commento

 

Fraintesa - Non so se mi spiego © 2010

Blogger Templates by Splashy Templates

Licenza Creative Commons
Questo opera di http://fraintesa.blogspot.com è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported.